Perché abbreviare un link?

Perché abbreviare un link?

04.Aug.2020

Un link abbreviato tramite l’URL Shortener occupa meno spazio, è meno complesso e quindi più facile da ricordare e gestire. Questo è particolarmente vantaggioso con indirizzi lunghi o contenenti molti caratteri speciali, come nel caso di siti web che operano su database. Innanzitutto per l’utente è più semplice trasmettere un link breve, facendo copia e incolla o digitandolo manualmente. Nei mezzi d’informazione scritta, come i biglietti da visita e gli opuscoli pubblicitari, un link lungo verrebbe stampato molto piccolo o con numerose interruzioni di riga, il che non risulterebbe né bello, né pratico. Una versione breve dello stesso link, invece, difficilmente disturba a livello visivo, può essere integrata in un codice QR consentendo l’inserimento dell’URL nel browser in modo rapido e veloce. Per gli stessi motivi, gli URL brevi si rivelano utili anche nei testi delle e-mail, dove per motivi di sicurezza non è consigliabile includere collegamenti ipertestuali cliccabili. Grazie ai Link Shortener si possono creare anche più versioni dello stesso URL, consentendo da un lato di creare link con formulazioni personalizzate per diverse piattaforme (come Twitter, Facebook, YouTube) e dall’altro di tracciare ciascuna di esse singolarmente per verificare l’efficacia di una campagna online o offline sulla base delle percentuali dei clic generati. I link brevi sono ampiamente utilizzati anche in servizi di microblogging come Tumblr, così come in servizi di messaggistica (es. SMS) e messaggi di stato sui social media (es. Instagram), che prevedono l’utilizzo di un numero limitato di caratteri.